17 Giugno 2019

Area articoli

Il giovane è segno di speranza: la cronaca dell'incontro formativo del 24 marzo

28-03-2019 13:17 - VITA PARROCCHIALE
La scorsa domenica 24 marzo, nella ormai consueta cornice della chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore di Francavilla al Mare, si è tenuto il terzo Incontro di Formazione organizzato dalla Pastorale della cultura San Paolo VI, in collaborazione con l’Oratorio San Franco. Il tema della serata è stato Il giovane, l’uomo nel meriggio della vita. Mons. Masciarelli ha dapprima ringraziato tutti i convenuti per l’assidua partecipazione, e ha di seguito riassunto gli incontri precedenti: questi – ha esordito – sono dei percorsi educativi e didattici, perché ci danno utili spunti per conoscere l’uomo nelle sue età: ogni età, infatti, ha la sua bellezza, e tutte insieme costituiscono il paradigma della vita, “ogni età va vissuta per il suo valore” (Dewey), e coniugandole insieme si cresce gradualmente; infatti, il bambino è un alunno da riverire (“Maxima debetur pueris reverentia”), è un maestro da ascoltare perché con i suoi codici espressivi comunica con l’adulto; l’adolescente è un soggetto in piena evoluzione, che vive la sua personale tempesta. E il giovane? Il giovane, ha spiegato don Michele, appare al meriggio della vita e porta con sé una storia. Egli è segno di speranza, ed ecco che riappare uno dei file rouge di questi incontri, ma non quella “caramellosa” o “mielosa”, ma una speranza forte, consapevole, che lo rende capace di coordinare e portare a termine degli obblighi che la vita gli pone dinanzi. Il giovane, inoltre, vive dei sentimenti contrastanti tra gioia e sofferenza, perché, come ha illustrato il parroco, egli ha sovrabbondanza di vita e non sa come gestirla, semplicemente perché le sue esperienze sono poche. Il giovane scombussola, inquieta, scuote, ma insieme risolleva, perché la sua vitalità è energia: citando la scrittrice C. Singer, “il giovane è un perturbatore che rianima”. Egli incontra gli ostacoli posti dagli adulti, e arriva a delle soglie di sopportazione che lo turbano perché sa di non poter dominare tutto; e, allora, diventa un fastidioso dissidente. Ma, ha sottolineato don Michele, questi scismi sono necessari, per loro stessi e per gli adulti. L’età giovanile, inoltre, è caratterizzata dall’ambivalenza, perché il soggetto diventa cosciente che le situazioni che si trova a vivere sono difficili: incontra i codici, le convenzioni, i diritti, i doveri, e tutto ciò lo preoccupa, anche se spesso rifiuta il compromesso, perché sa che le sue intenzioni sono pure e avranno efficacia nella sua vita. Egli, però, comincia anche a rivolgersi verso l’alto, verso il trascendente, si orienta verso l’infinito, comincia a crescere il suo senso religioso. Don Michele a questo punto ha posto una domanda: è possibile educare un giovane? Come? La sua risposta è stata affermativa, ma occorre un educatore fermamente dolce, che riesca ad equilibrare in modo intelligente il e il no, allo scopo di proteggerlo. Anche per lui vale la pedagogia dell’urto, ma corredata dal dialogo; l’educatore non deve sentirsi imbarazzato dal giovane che ha dinanzi, ma deve sforzarsi di comprenderlo, di dialogare con lui, senza chiudersi in atteggiamenti assolutori o giudiziari, e con intelligenza fine, perché l’educando non ha bisogno di carezze, che spesso lo urtano, ma di qualcuno che lo aiuti a discernere e a crescere. Al giovane educando va insegnato un uso sapiente della sua forza, della sua vitalità, della sua fierezza; egli, infatti, che è attratto dall’infinito, dal desiderio, dal futuro (vive proteso in avanti in una fase di decollo), vive anche una “separazione” – citando ancora C. Singer – e ha bisogno di un adulto che lo sostenga. Infine, egli affronta le sue prime esperienze etiche, la scelta tra il bene e il male, l’amore per la verità che “non si può afferrare” (S. Weill), sentimenti che lo porteranno a diventare un adulto. Prima dei saluti finali e il lancio del prossimo appuntamento che ci sarà domenica prossima 31 marzo, e nel quale si approfondirà il tema L’adulto, l’uomo nel pomeriggio della vita, don Michele ha ribadito che occorre trovare vie di buon senso tra i giovani e gli adulti educatori, per scoprire che vivere insieme è bello.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio